Primo giorno d'inverno 2021

Fino a Primo giorno d'inverno sono 66 giorni, ovvero 2 mesi e 5 giorni.

Nel 2021 il/la Primo giorno d'inverno cade il 21 dicembre (martedì).

L’inverno è la stagione più fredda dell’anno. Le notti sono molto lunghe, le giornate sono corte. Il buio e il freddo fa sembrare quella stagione molto sgradevole. Ma ci sono anche aspetti positivi: la neve, il periodo natalizio, le serate affianco il caminetto.

Il nome latino dell'inverno è “hiběrnum”, che significa “stagione del freddo”.

Inverno astronomico

Il primo giorno d’inverno accade ogni anno tra il 21 e 22 dicembre. La data varia in base alla durata dell’anno e il momento del solstizio d’inverno. Il momento del solstizio indica la posizione del Sole esattamente “sopra” il Tropico del Capricorno (punto detto Zenith).

In quel momento, nel nostro emisfero, i raggi del sole arrivano molto inclinati. Il sole è molto basso all'orizzonte. Infatti, non raggiunge tutte le parti del mondo, creando la notte più lunga dell anno. La zona dall’equatore al Polo Nord si trova infatti fuori dai raggi del sole. In quella zona il sole non arriva proprio intorno il periodo del solstizio d’inverno, raggiungendo il suo minimo al momento del solstizio.

La situazione contraria succede nell'emisfero australe, dove in stesso periodo e tale posizione del sole è la stagione calda, con il giorno più lungo dell’anno.

Dopo il solstizio d’inverno le giornate iniziano ad allungarsi, fino l’equinozio, che è la data della fine dell’inverno - il 21 marzo.

Inverno meteorologico

Dal punto di vista della meteorologia, l'inverno inizia il 1 dicembre e dura fino il 28 febbraio.

Le tradizioni del solstizio d’inverno

Il solstizio d’inverno, nelle culture antiche, era un momento ricco di significati e festeggiamenti.

Il popolo germanico e celtico festeggiava “Yule” - la festa del passaggio dalla tenebre alla luce, nella notte del solstizio.

Nell’antica Roma, intorno quel periodo, si celebrava i Saturnali. Si credeva che le divinità connesse con la festa escono fuori sulla Terra all’inizio d’inverno, quando la terra riposa dai raccolti. Perciò si faceva tutto di farli tornare nell'aldilà, dove avrebbero favorito i raccolti della stagione estiva.

In Cina, fin giorno d'oggi, il primo giorno d'inverno si festeggia con la famiglia, mangiando piatti tipici. Quel giorno è dedicato alla memoria degli antenati.

Gli iraniani celebrano una festività persiana “Yalda”, che significa la vittoria della luce sull'oscurità, ed è connessa con l’allungamento delle giornate.

Nelle molte culture i solstizi rappresentano un momento cruciale dell’anno. Soprattutto nelle culture antiche. Come ad esempio i Maya. La fine del mondo del 2012 era prevista proprio per il momento del solstizio d’inverno.