Giornata Internazionale della Felicità 2023

Fino a Giornata Internazionale della Felicità sono 107 giorni, ovvero 3 mesi e 17 giorni.

Nel 2023 il/la Giornata Internazionale della Felicità cade il 20 marzo (lunedì).

Dal 2013, le Nazioni Unite celebrano la Giornata internazionale della felicità come un modo per riconoscere l'importanza della felicità nella vita delle persone in tutto il mondo. Nel 2015, le Nazioni Unite hanno lanciato i 17 obiettivi di sviluppo sostenibile, che cercano di porre fine alla povertà, ridurre la disuguaglianza e proteggere il nostro pianeta: tre aspetti chiave che portano al benessere e alla felicità.

L'Assemblea Generale delle Nazioni Unite riconosce l'importanza della felicità e del benessere come obiettivi ed aspirazioni universali nella vita degli esseri umani in tutto il mondo. Ha inoltre riconosciuto la necessità di un approccio più inclusivo, equo ed equilibrato alla crescita economica che promuova lo sviluppo sostenibile, l'eliminazione della povertà, la felicità e il benessere di tutti i popoli.

La risoluzione è stata avviata dal Bhutan, un paese che riconosce il valore della felicità nazionale sul reddito nazionale dall'inizio degli anni '70 e ha notoriamente adottato l'obiettivo della felicità nazionale lorda sul prodotto nazionale lordo.

La definizione della felicità varia in base a molti fattori. La parola è usata principalmente in relazione a due fattori: l'attuale sentimento di un'emozione come il piacere o la gioia; oppure la valutazione della soddisfazione della vita. Il benessere soggettivo include misure dell'esperienza attuale (emozioni, stati d'anima e sentimenti) e della soddisfazione della vita. Dagli anni '60, la ricerca sulla felicità è stata condotta in un'ampia varietà di discipline scientifiche, tra cui gerontologia, psicologia sociale e psicologia positiva, ricerca clinica e medica ed economia della felicità.

Il World Happiness Report è un'indagine storica sullo stato della felicità globale. Il World Happiness Report classifica paesi per il loro livello di felicità e per la felicità dei loro immigrati. Le classifiche generali della felicità del paese si basano sui risultati aggregati dei sondaggi Gallup World Poll e mostrano sia il cambiamento che la stabilità. Tutti i principali paesi tendono ad avere valori elevati per tutte le variabili chiave che sono state trovate per sostenere il benessere: reddito, speranza di vita in buona salute, sostegno sociale, libertà, fiducia e generosità.

Secondo il Rapporto Mondiale sulla Felicità dell’Onu, il Paese più felice del mondo è la Finlandia. E poi la Norvegia e la Danimarca, Islanda, Svizzera, Olanda. Dobbiamo arrivare al settimo posto per trovare una nazione extra-europea: è il Canada e poi, Nuova Zelanda, Svezia e Australia a chiudere le prime dieci. L’Italia è quarantasettesima. Chiude la classifica che misura il livello di felicità degli abitanti di 156 Paesi del mondo l’Africa più profonda: Sudan, Repubblica centro-africana e, ultimo tra gli ultimi, il Burundi.