Giornata Internazionale del Tè 2023

Fino a Giornata Internazionale del Tè sono 168 giorni, ovvero 5 mesi e 17 giorni.

Nel 2023 il/la Giornata Internazionale del Tè cade il 21 maggio (domenica).

Il tè è la bevanda più consumata al mondo, dopo l'acqua. Si ritiene che il tè abbia avuto origine nel nord-est dell'India, nel nord del Myanmar e nel sud-ovest della Cina, ma il luogo esatto in cui la pianta è cresciuta per la prima volta non è noto. Il tè è con noi da molto tempo. Ci sono prove che il tè fosse consumato in Cina già 5.000 anni fa.

Riconoscendo la lunga storia e il profondo significato culturale ed economico del tè in tutto il mondo, l'Assemblea generale delle Nazioni Unite ha proclamato il 21 maggio la Giornata internazionale del tè. La prima celebrazione della Giornata internazionale del tè è stata celebrata in un evento virtuale che ha riunito i principali paesi esportatori e importatori di tè al mondo, nonché i principali paesi produttori in cui la coltivazione del tè è un'importante fonte di entrate.

Il tè fu scoperto per la prima volta in Cina da Shen Nung nel 2737 a.C., che lo usò come antidoto alle erbe velenose. Tutti i tè provengono dalla stessa pianta. Quindi nero, verde, oolong, bianco e pu-erh provengono tutti dalla camellia sinensis, una pianta sempreverde subtropicale originaria dell'Asia ma ora coltivata in tutto il mondo.

La produzione e la lavorazione del tè costituisce una delle principali fonti di sostentamento per milioni di famiglie nei paesi in via di sviluppo ed è il principale mezzo di sussistenza per milioni di famiglie povere, che vivono in un certo numero di paesi meno sviluppati.

L'industria del tè è una delle principali fonti di reddito e di proventi delle esportazioni per alcuni dei paesi più poveri e, in quanto settore ad alta intensità di manodopera, offre posti di lavoro, soprattutto nelle aree remote ed economicamente svantaggiate. Il tè può svolgere un ruolo significativo nello sviluppo rurale, nella riduzione della povertà e nella sicurezza alimentare nei paesi in via di sviluppo, essendo una delle colture da reddito più importanti.

Il consumo di tè può portare benefici per la salute e il benessere grazie agli effetti antinfiammatori, antiossidanti e dimagranti che la bevanda possiede. Ha anche un significato culturale in molte società.

Il paese che ama più il tè e Gran Bretagna. Gli inglesi bevono 165 milioni di tazze di tè al giorno. Sono 60,2 miliardi di dollari all'anno. Tuttavia, l'Irlanda ha più alta quantità di consumo di tè pro capite, con il 75% della popolazione che beve tè in media sei tazze al giorno. Comunque, è la Turchia il paese numero uno, che che beve il più te per capita al mondo.

Esiste anche un’altra giornata del tè, celebrata il 15 dicembre. La giornata è stata lanciata nel 2005 dai sindacati, dai piccoli coltivatori di tè e dalle organizzazioni della società civile in Asia e Africa per affrontare le questioni del salario dignitoso per i lavoratori e dei prezzi equi per i piccoli produttori di tè.